Professor
Patrizio
Rigatti

Specialista in Urologia e Chirurgia Generale

Intervento per tumore al rene (Tumorectomia e Nefrectomia)

L’esperienza chirurgica del Professor Rigatti gli permette di eseguire tutti gli interventi chirurgici in ambito urologico, andrologico e uro-ginecologico, spaziando dalla chirurgia oncologica a quella con importante valenza funzionale.

Accanto agli interventi di “chirurgia minore” ( varicocele, circoncisione, trattamento endoscopico dei tumori vescicali superficiali, calcolosi, ecc), il Professor Rigatti esegue routinariamente interventi chirurgici complessi di cui è considerato un esperto a livello internazionale.

Di seguito sono riportati solo alcuni degli interventi eseguiti in ambito urologico.

 

Intervento per tumore al rene (Tumorectomia e Nefrectomia)

A seconda delle dimensioni e della posizione del tumore all’interno dell’organo, se possibile, è sempre consigliabile asportare solo il tumore risparmiando la restante porzione di rene. (Tumorectomia Renale)

Nei casi in cui questo non sia possibile si dovrà ricorrere all’asportazione completa dell’organo. (Nefrectomia Radicale)

Entrambe le tipologie di intervento possono essere eseguite con tecniche chirurgiche “a cielo aperto” o minimamente invasive (laparoscopia-robotica). Sarà l’urologo a valutare il tipo di tecnica richiesta dal caso clinico.

In particolari pazienti (soggetti anziani, monoreni, con insufficienza renale cronica) se il tumore è di piccole dimensioni, è possibile utilizzare la crioablazione (distruzione mediante congelamento del tumore).

La degenza varia a seconda del tipo di intervento da 2-3 a 7 giorni.

Il Professor Rigatti ha particolare esperienza nel trattamento del tumore del rene particolarmente avanzato con trombosi neoplastica della vena Cava.

Questo intervento, estremamente delicato e complesso, richiede spesso la collaborazione di diversi specialisti tra cui il cardiochirurgo, che effettua la circolazione extracorporea e l’arresto di circolo, in modo che l’urologo possa procedere all’asportazione di tutto il trombo neoplastico che può arrivare fino al cuore.

Questo intervento richiede una degenza di circa 15 giorni.

in Evidenza

Si tratta di una patologia congenita dove il passaggio tra rene e uretere risulta particolarmente stretto e impedisce il regolare passaggio dell’urina portando ad una sofferenza del rene interessato [...]
Le stenosi dell’uretere possono essere di origine traumatica o più frequentemente secondarie a un intervento chirurgico. A seconda della sede e della dimensione della stenosi si procede ad un [...]
Le fistole urinarie possono essere spontanee (primitive) o secondarie a interventi chirurgici. Possono crearsi in varie sedi: tra l’apparato urinario e l’intestino,tra la vescica e la vagina,tra l’ [...]